speciale Viterbo

La Macchina di Santa Rosa

viterbo

La Macchina di Santa Rosa è un baldacchino trionfale alto circa 30 metri con alla sommità la statua di Santa Rosa, patrona della città di Viterbo.La Macchina viene portato in processione ogni anno lungo le strette vie del centro storico di Viterbo

La versione odierna della Macchina di Santa Rosa consiste in una torre costruita in metalli leggeri e materiali plastici quali la vetroresina (sostituendo ferro, legno e cartapesta), e illuminata da luci elettriche dove un tempo venivano utilizzate delle fiaccole ; è alta circa trenta metri, pesante cinquantuno quintali (5.100 kg), e culmina con la statua della Santa. La sera del 3 settembre di ogni anno, a Viterbo, in occasione dei festeggiamenti della Santa Patrona, la macchina viene sollevata e portata in processione a spalle da un centinaio di devoti detti “Facchini di Santa Rosa” lungo un percorso di oltre un chilometro che serpeggia tra le strette vie e le piazze del centro storico, immerse per l’occasione in un suggestivo buio che esalta l’illuminazione della Macchina. Il trasporto rievoca simbolicamente la traslazione della salma di Santa Rosa, avvenuta a Viterbo nel 1258 per disposizione di Papa Alessandro IV, dalla Chiesa di Santa Maria in Poggio (detta della Crocetta) alla chiesa di Santa Maria delle Rose (oggi Santuario di Santa Rosa). La festa rientra nella Rete delle grandi macchine a spalla italiane,dal 2013 inserita nel Patrimonio orale e immateriale dell’umanità dell’UNESCO.

viterbo santa rosa